Abbiamo dovuto attendere un po’, ma finalmente il British Medical Journal ci conferma che il tam tam sulla pandemia di influenza A causata dal virus H1N1 serviva soltanto a nascondere un enorme business.

Scienziati importanti che suggerivano all’Organizzazione Mondiale della Sanità di prepararsi ad affrontare una pandemia di influenza svolgevano attività retribuite per conto di industrie farmaceutiche pronte a guadagnare dalla guida che stavano preparando. Questi conflitti di interessi non sono mai stati rivelati pubblicamente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha respinto le inchieste sulla sua gestione della pandemia della A/H1N1 come “teorie cospiratorie”.

[…]

Era appropriato per l’OMS accettare i consigli di esperti che avevano legami economici e di ricerca con case farmaceutiche produttrici di antivirali e di vaccini per l’influenza? Perchè la guida principale dell’OMS è stata scritta da un esperto di influenza che aveva ricevuto pagamenti per altro lavoro dalla Roche, produttrice dell’oseltamivir [Tamiflu, ndr], e GlaxoSmithKline, produttrice dello zanamivir [Relenza, ndr]? E perchè la composizione del comitato di emergenza di cui Chan cercò di ottenere la guida rimane un segreto noto solo all’interno dell’OMS? Continuiamo a chiederci se le maggiori organizzazioni sulla salute pubblica siano effettivamente in grado di gestire i conflitti di interessi intrinseci alla scienza medica.

Share

Annunci